Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy

ACCETTA

Depressione paranoide e bipolarismo

Depressione paranoide e bipolarismo

Cosa posso fare? Cosa rischio? il suicidio o la pazzia?

Salve, mi chiamo Carlo e da sette anni ho dei gravissimi disturbi. Tutto è iniziato nel 2008 e fino a prima di quest'anno maledetto conducevo una vita normalissima. Nel 2008 ho vissuto una serie di circostanze spiacevoli che mi hanno portato alla depressione, non conoscevo i sintomi e per me è stato bruttissimo perché ho avuto il mio primo T.S.O. a causa del fatto che sono finito in stato confusionale e ho tentato il suicidio. Sono stato dimesso dopo tre settimane con diagnosi di depressione paranoide e bipolarismo.

Tecnicamente avrei dovuto seguire un percorso psicoterapeutico e farmacologico ma i tentativi sono andati falliti. Ho avuto svariati ricoveri volontari e tre anni fa un secondo T.S.O. a causa del fatto che per un lungo periodo ho convissuto con le voci nella mia testa, ero diventato aggressivo e vivevo in una situazione di totale euforia avendo comportamenti totalmente fuori dalla norma. Le domande sono queste: considerando che non riesco a prendere i farmaci a causa degli effetti collaterali che mi fanno stare ancora più male come faccio a stare bene?

Non riesco a seguire la psicoterapia perché non credo nelle parole che mi dicono i medici e sono sette anni che ci provo. Ora la mia vita è completamente distrutta, non riesco più a fare nulla e non ho rapporti sociali perché sono paralizzato nella più completa solitudine. Le mie patologie mi hanno tolto tutto e non so più come fare. Cosa rischio? il suicidio o la pazzia? l'ultima volta che sono andato troppo su di umore ho picchiato mia madre con un bastone dopo averla sequestrata. Potrei far seriamente del male a qualcuno? datemi un consiglio perché ultimamente sto valutando un internamento dentro qualche istituto. Grazie per l'attenzione.

Risponde il Dott. Giammario Mascolo

Gentile Carlo, Prima di tutto mi permetta di dirle che comprendo benissimo il suo sconforto. Se anni di farmaci e psicoterapia non hanno sortito effetti, sarebbe strano non sentirla così sfiduciato. A questo punto credo di avere anch'io qualche domanda da farle:

1) Il fatto di non credere più nelle parole dei terapeuti per lei è soltanto una speranza che si infrange, oppure potrebbe essere l'occasione per cominciare a credere nell'unica persona che può veramente tirarla fuori da questa situazione: sé stesso?
2) Lei chiede se rischia la pazzia o il suicidio. Ma se le uniche alternative che vede davanti a sé sono queste, quale terapia potrebbe mai esserle d'aiuto?

Sono sicuro che lei sa benissimo che ogni terapia può avere qualche chance di riuscita solo se la persona ha un obiettivo preciso per cui lavorare. Ora, se lei sente di sapere verso quale obiettivo vuole tendere, cioè cosa significa per lei star meglio, allora una psicoterapia potrà esserle realmente d'aiuto. Una terapia basata non tanto su parole alle quali credere o no, ma su accordi ben chiari circa gli obiettivi da realizzare e su tecniche ben precise per realizzarli. Purtroppo alla sua domanda "cosa posso fare?" Non ho una risposta valida, sa perché? Perché le strade per il benessere sono valide se il paziente le trova da sé, magari con il supporto di un terapeuta, ma dove il vero artefice è lei, non il terapeuta. Affidarsi ad altri (terapeuti, psichiatri ecc.) non l'ha aiutata fin ora. Che ne direbbe di fare affidamento prima di tutto su sé stesso e sulla sua voglia di ricominciare? Naturalmente questo può funzionare se quella voglia lei ce l'ha davvero, altrimenti saranno solo soldi e tempo buttati. Le faccio i miei migliori auguri e resto a disposizione per ulteriori chiarimenti.

Dott. Giammario Mascolo

Sei uno Psicologo? Per la tua pubblicità Clicca Qui